mondovistodaunpuffon | Anche io disobbedisco! | Il Cannocchiale blog Alla presentazione de "Miseria e Nobiltà": nuovi spunti e vecchie ipocrisie
.
Annunci online

mondovistodaunpuffon

Alla presentazione de "Miseria e Nobiltà": nuovi spunti e vecchie ipocrisie

personalmente 11/1/2009

Ieri pomeriggio qui a Montalto c'è stata la presentazione del libro "Miseria e nobiltà della politica della società" ultima pubblicazione del deputato giornalista Laratta. Non mi sono mai sentito buono per commenti e critiche letterarie (mi feci mandare 2 libri dalla casa editrice dove presi il diplomino di giornalismo e scrittura creativa e stanno ancora aspettando le recensioni!), non ho ancora preso il libro e non è comunque il caso di farne una qui.. Se a papà piacesse scrivere per il web, magari potreste chiederla a lui! Nè ho di che dire sull'Autore del libro, lo conosco troppo poco. Da ieri siamo "amici" su Facebook perchè intendo fargli un'intervista per l'altro blog.

Sono andato mosso sia dall'interesse sul libro, sia dal fatto che erroneamente credevo ci fosse il direttore del Quotidiano. Invece no, a moderare l'incontro c'era A. Ricchio di Calabria Ora, lo stesso che mi rifiuta l'amicizia su facebook (e giustamente come fa uno che è arrivato dov'è arrivato nel giornalismo ad accettare l'amicizia di un povero fannullone come me?) e non risponde alle mail che gli mando (ma chi mi credo di essere? lui segnala i miei pezzi su strill a quelli del Pd con 1 mese di ritardo ed io devo avere pure la pretesa di parlarne e commentarlo con lui?).
Quindi mi avvio, con la fortuna che mi ritrovo vedo sfrecciare le auto blu degli onorevoli davanti a me in piazza.
Arrivati alla sala consiliare, c'è la sopresa: c'è pure Minniti! Spero che gli autisti dei parlamentari non se l'abbian presa troppo per la difficoltà di manovra imposta da certi lavori in corso nella zona della sala consiliare.
A frotte arrivano i giornalisti,tutta la tv locale fa la fila per intervistare il ministro ombra  tra questi il mio "amico" facebookiano Pippo Gatto (lui sì m'ha accettato l'amicizia ed ogni tanto scambiamo pure due chiacchere, grazie Pippo!),la Makaping e, un po' in ritardo G.Corigliano della Rai regionale.
Durante la presentazione Ricchio dirà che non capita tutti i giorni la possibilità di poter intervistare uno del calibro di Minniti, ma io non sono assetato di protagonismo e, soprattutto, ho giusto qualche domanda banale pronta (per la quale la risposta arriverà da sola ) e in genere, come consigliava Montanelli, me ne preparo sempre un paio per poi farne "de visu", l'intervista è una cosa dinamica per me un colloquio aperto tra quello che l'intervistatore vorrebbe sapere e quello che l'intervistato vuole dire.

Dopo l'intervento del primo relatore, un docente universitario di cui tuttora mi sfugge il nome, sul quale c'è poco e niente da dire in quanto ha relazionato con un intervento di ampio respiro sulla sostanza del libro, arriva il turno di Minniti. Tono di voce pacato e chiaro, discorso lineare e colorato dal racconto di alcuni aneddoti. La gestualità e i vari "diciamo" ricordano molto spesso D'Alema, nelle cui file Minniti s'è fatto le ossa, se l'onorevole reggino continua così gli cresceranno i baffi (o al limite conosco qualcuno che glieli può prestare).Fa comunque un bel discorso, se alla presentazione del libro ci fosse stata più gente il Pd di Montalto avrebbe certamente recuperato qualche voto! E a proposito del Pd locale arriva l'astuta  domanda su come esso debba muoversi alle prossime elezioni. Di questa domanda non ho gradito il preambolo, non è vero che il centro sinistra a Montalto è disunito da soli 14 anni: socialisti e comunisti si sono storicamente fatti la guerra (a parte qualche eccezione),e poi se proprio si vuol esser pignoli occorre ricordare che i rifondaroli attualmente appoggiano il sindaco.Ma il particolare locale può sfuggire a chi è abituato a vedere le cose d'insieme. Abbastanza scontata la risposta (ed infatti era presente nelle locandine dei giornali il giorno dopo): il Pd deve essere unito. Me l'aspettavo dopo il discorso che lo stesso Minniti aveva tenuto poco prima, durante il quale ha parlato anche dei giovani.La mia domanda sarebbe appunto stata sui giovani sul perchè si lascia che alle elezioni del comitato giovanile si lasci spazio alla prepotenza dei più grandi (qui a Cosenza), e sul perchè a Reggio ci siano gli estromessi ed i famigli .
Ma il ministro ombra ha un impegno e deve andar via prima, peccato!


Dopo l'intervento di Minniti è il turno di un giovane attore di origini cosentine, il quale legge il secondo brano tratto dal libro. E' un brano simpatico: praticamente è la cronistoria di una serata di Berlusconi, a tratti mi ricorda la "Cretina Commedia" che faceva Impastato su Radio Aut.
Arriva poi il turno del sindaco. L'assenza dei cartellini con il nome dei relatori è un danno non solo per me: anche lui parla dei relatori che lo hanno preceduto come "quel professore lì" e "questo attore qui" evidentemente era assorto nella lettura del libro quando sono stati presentati. Anche a lui viene rivolta una domanda "d'uopo" : sentita la dichiarazione dalla viva voce di  Minniti , è lecito pensare che il Pd locale salti sul carrozzoneche lo sostiene(o per riprendere il mio esempio, aggiunga il suo sbiadito sapore al minestrone?)?
Altra splendida domanda...Non me ne voglia Ricchio se tra qualche anno passerà da questo blog, io non giudico il modus operandi degli altri! Nè tantomeno mi reputo migliore di lui, mi basta essere un free blogger libero dagli schemi e fuori dagli schermi della ribalta.
Ed il sindaco, dopo gli elogi ed i ringraziamenti a nome di tutta Montalto per aver scelto la sala consiliare del nostro comune (riconoscendo a suo dire il prestigio che il paese ha), ha fatto il suo protocomizio.
Già lunedì 5 in occasione di un'inaugurazione avevo assistito ad un comizio protoelettorale, ma qui in parte s'è superato. Già prometteva bene quando ha chiesto la copia del libro in omaggio a Laratta, se avessi voglia di protagonismo mi sarei alzato e ironizzando avrei suggerito di comprare il libro con i soldi comunali ed ascrivere la cifra alla voce "cancelleria", visto che già si spende un bel po' che male possono fare 10€ in più sul bilancio!
Ma la parte migliore del suo intervento è quella incentrata sui "personalismi". C'arriva per gradi, dicendo che "in Francia o in un altro Paese che non ricordo, non si può concorrere ad un posto in Parlamento se non s'è stati almeno sindaci" , non ho verificato e può anche essere vero.. Resta il fatto che in Francia politici di lunghissimo corso come da noi non ce ne sono stati.In Francia uno come lui che già 30 anni fa concorreva alle elezioni comunali da consigliere non c'è, la gente dice quello che deve dire fa quello che può per ma in un tempo molto più ristretto! Chi ha una forte passione politica insomma, serve TUTTA la comunità di cui fa parte e poi spesso, anche troppo spesso, torna a servire in maniera privata esercitando la propria professione o il proprio mestiere rischiando di tasca sua e chiamandolo "lavoro".
Ma veniamo ai "personalismi"...Come si faccia a non scendere a personalismi quando si fanno i comizi elettorali in un comune? Specie quelli fatti prima del ballottaggio! Personalmente non ce l'ho mai avuta con Ugo Gravina in quanto privato cittadino,anzi m'è dispiaciuto vederlo preoccupato per le "ragazzate" di uno dei figli, è comprensibilissimo il dispicere che abbia potuto provare da padre dovendo metterci una pezza.Però non posso certo approvare il "divide et impera" che contraddistingue la parte "sopra il tavolo" della sua politica.
E gli oscuri e meschini giochi che fa "sotto il tavolo". Per questi giochi alcuni dei suoi alleati ed amici storici ce l'hanno a morte con lui. Marrelli e Spizzirri senior in primis. Perchè gli ha negato voti e favori. E la politica per me non è favoritismo (ci vuole molto coraggio a  parlare di clientelismo in occasioni ufficiali!).Mio padre è stato sindaco,da 10 anni mi sento dire che "ci voleva uno come lui" ed altri elogi. Purtroppo mio padre è un esempio! Dovrebbe essere la normalità! Non fare favoritismi e clientelismi verso niente e nessuno dovrebbe essere la normalità..invece è portato come un esempio! Amministratori puliti ed onesti dovrebbero essere la norma!
Uno dei migliori regali che mio padre m'abbia mai fatto è proprio il non darmi mai una mano in più all'esterno: non ho mai ricevuto trattamenti di favore al liceo, non mi sono mai presentato come "il figlio di.." quando sono andato a fare colloqui. E lo ringrazio perchè mi ha fortificato il carattere e, appunto , le ossa. A me piace scrivere per informare anche perchè una volta pubblicato il pezzo si ha la possibilità di confrontarsi con tutti. Ed io devo ancora imparare moltissimo dagli errori e spero di ricevere ancora tante critiche "costruttive" e non dettate dall'invidia per migliorare. A me piace confrontarmi giorno per giorno "sul campo".
Infine tengo a precisare che quanto scritto su Gravina non vuole essere diffamatorio nè ha la presunzione di raccontare cose verificabili.Se sono avvenute cose poco pulite, sono avvenute nell'ombra e nel silenzio. E' quindi difficile rompere il silenzio di chi ha accettato il piatto di lenticchie.Trai principali avversari politici il sindaco troverà 2 compagni di sempre, i quali proprio per aver ricevuto dei torti gli vanno contro. Ma ciò non li rende migliori. A Montalto , e in buona parte in Italia, l'élite politica è immutata da anni.Ci sono dei gggiovani promettenti anche al potere, ma allo stato attuale delle cose sono delle marionette! Io sono contro questo tipo di politica e questa "mini casta" che regna. All'elitismo quindi io preferisco l'etilismo (purchè non sia molesto)!
Così come le costatazioni sulle domande fatte non vogliono essere delle critiche ma semplici valutazioni personali di "un povero coglione".Io non sono bravo ad intervistare...


A proposito di gggiovani, per concludere il post in bellezza segnalo il blog del mio vicino  sempre disobbediente . Non lo segnalo perchè è mio vicino di casa ma perchè è una giovane promessa. Forse non ha manco 19 anni ma già "buca" le reti wi fi a scuola, s'è costruito un theremin, usa linux ed è contro il potere!
 




"Dai a Cesare"..

diario 19/10/2008

Domenica finora tranquilla, sono andato in chiesa (per pregare, ogni tanto capita a tutti di inginocchiarsi e sperare in un luogo sacro). La parte centrale della messa era sul "dai a Cesare ciò che di è di Cesare". Ovviamente la predica del neo parroco padre Battista era filoratzingheriano e ha detto la sua.E ciò che pensava era conforme all'opinione della chiesa clericale. Poi sono sceso giù al mercato. Non è per farmi pubblicità ma mi piace stare tra la gente e sentire ciò che si dice tra le bancarelle, e nei corridoi di persone con buste piene in mano.Mi piace di meno aggregarmi ai piccoli gruppetti di amici degli amici (in questo periodo prelettorale).Parlando con uno dei ragazzi che hanno finito nel mese scorso il periodo di "addetto al traffico" che ha confermato i miei dubbi. Gli addetti al traffico che da inizio mese sono entrati in servizio (per 3 mesi come gli altri) sono sì nell'elenco ma sono fuori quota.Mi spiego.
Per poter diventare addetti del traffico, dopo che alcuni figli di amici degli amici o amici stessi hanno inaugurato la "stagione degli addetti" a fine 2007 senza concorso, era stato bandito un concorso appunto per ricoprire tale mansione per almeno 3 mesi( più o meno a  tra l'inizio del 2008 e maggio 2009.Stilata la graduatoria, dovevano essere presi i primi 40. Orbene i nuovi addetti si sarebbero classificati oltre il 40° posto.Inoltre sul contratto dei primi 20 in graduatoria, c'è scritto che saranno riutilizzati per un massimo di 2 volte durante il periodo (gennaio 08- maggio 09) ma è abbastanza intuibile che non li richiameranno e daranno la possibilità dei 3 mesi a tutti. Di chi sono le colpe? Di nessuno. Quando andai a chiedere lumi al segr. comunale mi disse che se avevano affidato il tutto ad un'agenzia interinale moooolto vicina alla politica (obiettivo lavoro) e che quindi dovevo chiedere a loro. Chiesi in agenzia e mi rimbalzarono di nuovo al comune.. il solito scarica barile..Ora pare che sia pronta la proroga per gli addetti.I più attenti (o meglio i più informati, o meglio i più amicici) addetti hanno già saputo che bisogna ripresentare la domanda per fare il concorso (mentre ancora non c'è uno straccio di manifesto in giro a montalto!). Intanto ancora non è arrivata alcuna comunicazione a chi a gennaio, in tutta fretta, ha consegnato la domanda per il concorso bandito atto ad assegnare i 2 posti di vigile urbano. Sono arrivate all'uff. personale oltre 4000 domande e da gennaio le stanno valutando. Ho già scritto precedentemente di questo concorso, con ogni probabilità ci vorrà il nuovo anno con promesse elettorali sicure per la vittoria finale.Posso io occuparmi di questo e fare una mini inchiesta? Mi piacerebbe ma non ho la disponibilità economico\temporale per farlo...

edit: da un'indagine approfondita ho scoperto che sono stati presi anche i "fuori quota" perchè ci sono state parecchie rinunce.E non ci saranno altri concorsi fino a maggio 2009. Resta, però, la domanda "perchè se ci sono state tante rinunce non hanno richiamato quelli che già avevano prestato servizio?"

ariedit sulla Chiesa. Se non si fosse capito sono tra chi sostiene "libera Chiesa in libero Stato" ho appena firmato questa petizione : http://firmiamo.it/laicitadellascuola

Viva il bipolarismo...di certe depressioni!

diario 4/10/2008

Mi scuserete se non sto scrivendo tanto,anzi quasi per nulla, e di cose da dire ce ne sarebbero a iosa.
Ma questo è un post prettamente personale, non mi giudicate male dal titolo o da ciò che verrà scritto.

Ho vissuto dei giorni pieni come un sole d'Africa in questa settimana, quelli in cui sei iperattivo e ti vengono bene mille cose.Quelli in cui pensi e idei mille cose. E fanno da contrappeso a settimane e mesi, ma anche ore tristi e inoperose. Questa è, per i più bravi, una sorta di depressione.Leggo or ora che posso dirmi un ciclotimico!

Non vi preoccupate, oh amici che passate da questo blog e utenti che non mi conoscete di persona, non mi verrà mai in mente di mettervi giù con la bici (pessima battuta sui cicli!)!
Uno status animi che mi consente di sviscerare connessioni interne remote e di farne alcune altre lampanti in pochi nanosecondi.
Mi sto godendo questo periodo e, ormai, sono in una fase avanzata del suo studio.
Curarmi? Debellare questo morbo? E perchè?
Come ho ascoltato e riascoltato in una puntata di "Fantasticamente" con ospite l'ottimo Bergonzoni, le malattie non bisogna subito ammazzarle, combatterle.Bisogna prima ascoltarle, capirne il motivo, e cercarne la cura dall'interno od utilizzando la stessa malattia.
Ecco perchè, per il momento, mi va bene che siano questi momenti perchè riesco a fare molto di più e ad avere idee. Se mi curassi sarei un "guarito" qualsiasi, forse livellerei a valori mediocri (ai quali si attesta nei lunghi periodi di quiete apparente)il mio cervello e mi autocondannerei ad una vita ancora più anonima e grigia.Se io sono la mia malattia, io sono la mia cura.
Questo bipolarismo, insomma, mi piace anche perchè ne ho pieno controllo e riesco a sfruttarlo bene.
edit: mi sono informato meglio su forme e sintomi di questa malattia e,come ogni autodiagnosi, credo d'averla sbagliata. Quindi se ho qualche "problema" non è catalogabile.. Attenti ai vostri cervelli potrei bermeli frullati con un pò di birra!


Altri bipolarismi un pò meno, specie se si tratta di politica. Seguo a tratti la campagna elettorale americana,ovviamente tifo per Obama, e mi rendo conto di quanto limitante e, quello sì, ciclico possa diventare un bipolarismo perfetto e funzionante come quello negli States.
Belli i confronti non solo dei due candidati a presidente, ma soprattutto dei vice.
A proposito di questo, ho riflettuto sulle parole del duello trai due candidati.
Uno chairman della commissione Esteri, l'altra dalla parte di chi governa ora.
Come si può essere fieri della sciagurata politica estera di Bush? Come si può attaccarla se, in qualche modo, ne si è complici?
Ecco che la democrazia basata sull'alternanza bipolare rileva una delle sue tante imperfezioni.
Altro discorso, per alcuni versi patetico, è quello sul background privato dei candidati.
Come si può combattere sui sentimenti da\verso familiari? E se uno è single non può essere un valido candidato? Come si può mettere in scena il dolore o la gioia privata per i propri congiunti (e fare leva su di essi per accaparrarsi qualche voto)?
Ma questa è America.
edit: anche lì si può parlare di un ciclo (repubblicani - democratici) che si ripete.
In Italia ciò non serve.
In Italia ora si dialoga solo annuendo a ciò che dice la maggioranza.E se non si annuisce si mina la democrazia, il bene comune, il dialogo.






Idee politiche nuove a Montalto: nasce la lista civica "contenti e gabbati".

politicamente 29/9/2008

Ebbene è giunto il momento, dopo tante seghe mentali e tanti discorsi a vanvera, di farmi avanti.

Eccomi, finalmente, via la maschera!

Voi credevate che io davvero fossi interessato al bene di tutti i cittadini, che io fossi vicino a certi ambienti politici? Macchè la mia idea è sempre stata quella di sbaragliare tutti e fare un listone civico mio!
Ad un grande minestrone (leggasi la maxi coalizione che sostiene finora  Gravina) bisogna contraporre una grande insalata.
Nel grande minestrone c'è di tutto, liste civiche, ultimi esemplari di socialisti ancorati alla specie, pseudo rifondaroli,"ma anche" ex forza italioti ancora non del tutto smentiti ed altri soggetti politici che, se le ideologie politiche di base fossero ancora vive, starebbero molto male insieme.
A questo minestrone io propongo di contrapporre una bella e sana insalata.
Nell'insalata tutti gli ingredienti stanno bene insieme, cosa non sempre vera nei minestroni.
Contrapporre un semplice piatto di pasta, per quanto bilanciato nel gusto e nella composizione, farebbe felici pochi.Invece io dico che bisogna contrapporre un'insalata.L'insalata piace a tutti!
Io propongo quindi di mettere insieme tante intellighenzie (e mi scuserete se lo scrivo così), tante bellezze ma con ordine e stile. Non serve a niente pensare che se una persona è "di destra" o "di sinistra" non possa essere un buon alleato politico. Mettere insieme tante persone al di fuori delle appartenenze politiche. Senza però metterci in mezzo il fardello del simbolo o della storia del partito.
La lista civica si chiamerà "Contenti e gabbati".
Il nome non è a caso, anche qui c'è la perfetta antitesi del "minestone". Chiunque voglia aderire non dovrà promettere favori sottobanco per accaparrarsi i voti: noi i favori li faremo sotto gli occhi di tutti.
Viva la trasparenza! Chiunque voterà la lista, sarà sempre orgoglione (opps... orgoglioso) di essere un suo sostenitore.
E dirà "sì, ho votato "contenti e gabbati" e ne sarò sempre soddisfatto".
In questi ultimi 4-5 anni, Gravina ed i suoi burattini hanno saputo intrattenere e far contenta una larga fetta di popolazione montaltese: è giunta ora di fare contenti (e gabbata) tutti. E per tutti intendo anche quegli sparuti anti-sindaco che, da qui alle prossime elezioni, dopo una lunga dormita si sveglieranno.
Non c'è più tempo per dormire bisogna contrapporsi da subito.Chiunque voglia aderire mi lasci un commento.Lo ricontatterò il prima possibile!

Tutti insieme nell'insalata! Mandiamo i loro CULI IN ARIA con stile!

A zigzag nei miei pensieri

politicamente 15/9/2008

Salve e buon inizio settimana a tutti!

Non ho notizie, per ora,fresche del mio paese e quindi non vi annoierò con riflessioni su montalto.
Ma questo è comunque un blog (=diario personale ma pubblico) e qualche riflessione legata al territorio nel quale vivo devo pure buttarla giù!

Leggevo oggi sulle locandine che il Pd cosentino intende(rebbe) puntare su un nome nuovo per la Provincia (elezioni provinciali del 2010..o 2009..insomma prossime!): Adamo!
Ottima scelta: ad un vecchio marpione (Gentile) si risponde con un vecchio marpione (Adamo).
Ed abbiamo già perso!
Non solo ha perso il centrosinistra ma tutti gli elettori, siano essi di destra o di sinistra.
Perchè nessuno dei due super candidati è un nome nuovo e nessuno dei due candidati ha la coscienza pulita.
Ma posso sbagliare, potrebbe essere un Adamo e non essere Nicola (il marito cornifacente della amatissima Bruno Bossio nonchè ex amante della Catizione.. oh scusate non erano amanti, lei ha comprato i suoi spermatozoi in qualche banca del seme! Lui è una povera vittima!!) e potrebbe essere un Gentile e non appartenere alla dinastia Gentile.
In ogni caso il popolo dei votanti senza candidatura nè amicizie altilocate, il popolo che compila migliaia di domande per 4 mesi a 500€ (leggi "verso il lavoro"), il popolo degli arrancanti ha perso.
Ha perso perchè continuerà a votarli, ha perso perchè nonostante gli scandali e i magna magna non si ribella a queste candidature.
Fa piacere come il messaggio ueltrioniano di rinnovamento non faccia parte del pd cosentino.
I gggiovani rimangono una forza marginal\muscolare su cui elevarsi.
Siederanno ,e si scanneranno a vicenda per poterlo fare, i soliti vecchi volponi. O almeno così pare.

Perchè votare Adamo? Perchè votare Gentile?

Adamo, lo stesso Adamo della "why not" (non direttamente coinvolto ma in ogni caso complice), lo stesso Adamo delle liti? O  il Nicola degli anni d'oro, delle battaglie politiche all'ultimo sangue?

Gentile, lo stesso Gentile che dirige dietro le quinte l'Annunziata (lui o il fratello o comunque uno della loro dinastia)? Lo stesso che ha lasciato morire "la provincia cosentina" (potevano sforzarsi di buttare un salvagente anche se non ne traevano utili)?
Come si fa a votarli?
Se questi saranno i veri candidati non voterò o voterò qualcuno che non sia già invischiato nei favori del sottobanco e sottoscrivania o comunque qualche "gggiovane" pure se la sua idea politica sia antitetica alla mia.


riflessione personale\sociale.
Stamani mi trovavo a zonzo per cosenza (appena uscito dall'agenzia dovevo aspettare un'oretta per poi andare a prendere mia sorella a scuola) quando noto un'inquetante spia rossa nel cruscotto della mia Punto. La spia segnalava avaria allo sterzo. Essendo lontano dal mio meccanico di fiducia mi fermo al primo meccanico (con elettrauto vicino) che trovo. Non aveva mai visto la spia e non sapeva che fosse. L'elettrauto è illuminante: "ci sarà un'avaria allo sterzo, falla controllare".Vabbè secondo meccanico e secondo elettrauto. Stessa risposta anzi "portala all'automeccanica che ti fanno il check up". E chissà quanti mi avrebbero dato la stessa risposta!
100 meccanici ma pochissimi sanno stare al passo coi tempi, oramai le auto dialogano in bit con il pc, mica solo in rumori, malfunzionamenti ed avarie con gli umani.
Se si fosse aggiornato,il check up me lo poteva fare lui o il suo collega intervistato prima.
Invece mi tocca andare nei centri specializzati quando invece credo che si trattasse di cambiarci un po' di olio ai meccanismi che muovono lo sterzo. Comunque sono tornato a casa tranquillo  : avrò preso qualche buca di troppo(a cosenza ne pigli pure se tenti di evitarle) e la spia s'è spenta!

Noi siamo i gggiovani più ggiovani dei gggiovani!

politicamente 11/9/2008

Pubblico (e poi ci ri-scriverò su il pezzo, l'avevo finito ma firefox s'è autorefreshato e ha cancellato tutto!) l'elenco di chi fa' parte (da ieri sera) del Comitato Organizzativo.Se qualcuno dei nomi in lista vuole essere cancellato,essendo un elenco più ufficioso che ufficiale, mi contatti.Questo blog è trasparente, difficilmente occulterò nomi o nasconderò notizie, indicazioni o altro, pertanto invito chiunque a non prendere per oro colato (e magari fare di questo blolg una fonte) ciò che scrivo di politica, specie di quella paesana.

COORDINATORI:

  • Massimo Corti

  • Francesco Gerundino

  • Rosa Ferraro


  • Giuseppe Chiappetta (già segretari e plurilustrato in esperienza  Ds)

  • Marcello Canonico

  • Umile De Luca (già segretario fino a ieri sera del Partito Democratico Meridionale)

  • Giampiero Iusi (già ""             ""                ""        della Margherita)

  • Luciano Corniola (consigliere di minoranza nell'attuale legislatura, provenienza Ds)

  • Franco Aceto

  • William Ferraro ( già segretario fino a ieri sera dei Ds)

  • Franco Napolitano  (vedi Corniola)

  • Alfredo Muto  (consigliere PDM, ovviamente in minoranza)

  • Michele Corti

  • Giuseppe Saullo

  • Silvio Ranieri

  • Giuseppe Gervasi

  • Lorenzo Bianco (niente popodimenochè!! Mi leggete qui non perchè mi voglia candidare ma perchè, se serve,darò volentieri una mano!)

  • Marco Andrea Carnevale

  • Carmelo Pesce (fidelissimo di Marelli e di Alleanza per Montalto,quarta forza nella fusione del Pd)

  • Maria Filosa  (Anni ed anni di battaglie nei consigli comunali e di campagne elettorali )

  • Anna Maria Belmonte

  • Sergio Cannioto

  • Pino Russo

  • Antonio Lauria

  • Agostino Pellicori

Assenti (per ora) illustri : Saullo Franco (ex sindaco di  Montalto, presente ad ogni riunione), Migliano Mario detto Lello (assente alla riunione), Gelsomino Franco (ex repubblicani europei, presente con la sua lista alle precedenti elezioni),Tenuta Giovanni Carlo (assente all'ultima riunione, più volte candidato come consigliere),Marrelli Mario (assente a quest'ultima riunione mister 1300 voti sicuri a Montalto, già sindaco, già consigliere provinciale vecchio marpione della politica paesana),DeBonis Vincenzo (già cons. e ass. sempre attivo nelle riunioni, dirigente pd in pectore fino a ieri sera).
Molti tra i ggggiovani.


Sicuramente nell'elenco ci sono altri attivisti politici, o comunque gente politicamente non ggggiovanissima..

Visto quanti ggiovani più ggiovani dei gggiovani (preferisco linkare la canzone Piottesca piuttosto che quella originale della Spaak.. Sebbene questo post era e sarà molto sarcastico!
Anche questo testo sui ggiovani non è niente male..Ho la canzone su cd, non sono riuscito a trovarne un video per postarlo!....." noi siamo l'esercito,l'esercito  del (net)surf!" )
Ma perchè tutti questi ggggggggggggggiovani? E come mai ce ne sono 3 (miiiiiiezzeca proprio 3! Tanti quanti erano gli under 30 all'ultima riunione!) in pole position?
L'elenco ivi riportato è il frutto di un'ora e mezza di interventi, i primi dei quali rigiravano e riscaldavano la solita minestra, decidendo di non decidere e di muoversi a rallentatore per poi arrivare a fine ottobre (data in cui ogni circolo di pd regionale deve mettere su carta e comunicare la propria forma) . Poi non ricordo chi (mi pare William Ferraro) per primo ha pronunciato la parola magica : gggggggggggiovani! E da lì in poi tuuuuttissimi d'accordissimo i ggiovani potevano diventare la chiave di volta di\per tutto il partito!
Bisogna coinvolgere i gggiovani, parlare con i ggiovani, candidare gggggggggiovani!
Bisogna responsabilizzare i gggiovani, bisogna sfruttare la loro freschezza!
E' il partito di Veltroni cazzu iu! Sì sì Uolter Ueltroni! Quello che rivoluzionava il centro sinistra quasi un anno fa, lo stesso che alle elezioni politiche (oh.. dico..politiche!! quindi NAZIONALI!! mica elezioncine amministrative di condominio!) ha candidato un sacco di ggiovani (oltrechè un sacco di figure nuove IL precario, IL TYSSENCRUPPESE,IL povero Cristo inchiodato su qualche croce, IL candidato di una  ClasseSocialeDelTuttoNuovaDiCuiNessunoCredevaSiDovesseTestimoniareLaPresenzaNelleListe, a parte qualche partito falcemartellico rossobolscevico dissidente anche da chi è rosso poco bolscevico e è martellico ma ha già venduto la falce...riprendete fiato dopo questa parentesi).
Ma i ggiovani chi sono? Ci sono gggiovani candidabili alle elezioni? O sono tutti nelle salagiochi o alla "villetta" dietro il bar?A non fare niente? A fare casino? A dire che "destra e sinistra sono uguali" che "tanto non cambia mai niente quindi è inutile stare dietro la politica"..
Che bello, anche a Montalto (sia pure con un ritardo di qualche mese) si punta (o almeno si DOVREBBE)  sui gggiovani!
Sì prime linee tutte ggiovani.
Ma le prime linee sono le prime a cadere. Sono carne da macello, scudi umani per i veterani dell'esercito che in genere caratterizzano ogni battaglia.
Una volta pronunciata (risvegliando i dormienti e riempendo di vibrazioni tutta la sala d'un botto), la parola magica, riempiva molti interventi. "io i giovani ce li voglio, ma ci devono essere i più esperti a guidarli" (traduzione: carne fresca sì ma a comandare e a sedersi sulle poltrone buone di ogni piccolo minipartito interno e circolo ci deve stare chi sa già come muoversi, e scusate se sono pochi xx anni di politica!)..Giovani sì, coinvolgiamoli, mettiamoli ai gazebi..facciamo i gazebi!! sììììì! ga-ze-bi + gio-va-ni !sììììììì!!!
L'attuale sindaco vinse il ballottaggio perchè seppe fare una squadra di governo tutta composta da ggiovani.Sebbene sia stata una novità solo di facciata e del tutto superficiale, visto che non si muove foglia che Ugo non voglia e non si proferisca parola se lui prima non l'approva, ma ha funzionato.
Bisogna osare.Osare tentare e fallire.Osare perdere.Osare cambiare pagina.
Ma non osare a casaccio, mettendo magari in lista qualche immigrato albanese (oramai una vera e propria colonia) o un tot numero di under 30. I gggiovani ci sono sempre stati nelle liste elettorali. Ma sono quasi sempre stati specchietti per le allodole.Allodole che pur di captare qualche voto hanno accettato la candidatura, allodole che pur di accontentare il parente\amico candidato l'hanno votato.

Avevo scritto molto altro, parole e riflessioni ben più profonde ma per ora non riesco a recuperarle..

Insomma me ne sono andato, io che stavo continuando a costruire un modesto telaio personale, parlando con tizio prima e caio poi, con una mezza idea di fare una modesta tela civica, senza pretese gente nuova e fresca...E invece vengo chiamato dai 3 ultragiovani perchè vogliono il mio numero di cellulare.. L'ho dato, precisando che dell'organico designato in quella riunione (i 4  segretari + i 4 consiglieri + 2 presidenti) per me deve stare fuori tutto!
Dopo aver lasciato il num, avendo capito che la riunione aveva detto tutto quello che m'interessava me ne sono andato.
Due giorni dopo (ah lentezza della carta stampata! se non avessi avuto problemi con il pc avrei pubblicato il tutto moooooolto prima!) sul Quotidiano (articolo non mio ovviamente) nel pezzo che parla di quella riunione che si prospettano alleanze forse anche con l'attuale sindaco.

Mai! Io con i mangioni mai!Con chi fattura 1.000.000 di vecchie lire in purissimo origano per la mensa dell'asilo mai(non ricordo di aver mai sentito la mensa invasa dall'origano quindi fatevi un pò i conti di quanti soldi sono realmente finiti ai commercianti di origano!)! Io con gli ipervolponi mai!Con gli amici degli amici che se sei amico e mi voti .. 3 mesi ti faccio fare l'ausiliario del traffico m a i!Non vuoi fare l'ausiliaro? sono pochi tre mesi? uno stage all'emmezeta? Sei una bella ragazza? Qualche giornata di promozione\stand in qualche fiera\evento\et similaria a caso ( (veramente a caso..c'era uno stand di montalto anche a RC, durante un festival che c'entrava con il mare e Ulisse..ah montalto! Paese di navigatori (su internet!)!
Scrivo una mail ai tre ultragiovani dicendo che se quella è la linea politica che intendono intraprendere io mi chiamo fuori da subito. Per fortuna vengo smentito. Evidentemente chi ha scritto il pezzo ha seguito il suo intuito ed ha scritto il pezzo  prendendo a caso pensieri ed analisi nella sua mente...per rendere il pezzo corposo,scrivendo "a tentoni" e per sentito dire. Non voglio attaccare (oh amici interni al Quotidiano, casomai passaste da qui leggete bene queste righe!) lo stile di chi ha scritto il pezzo, non mi pare il caso!
Ognuno scrive in base a quello che sa e seguendo il proprio stile!
Pure io durante la riunione sono stato attaccato per l'articolo sul pd pubblicato su strill.. E qualcuno ha avuto la simpatia di ridermi in faccia senza nemmeno sapere di che si trattasse.. Ebbene mi hanno contestato qualche virgola fuori posto ed altre inezie.Inezie tuttora non smentite  o rettificate (ho mandato una mail ai contestatori chiedendo loro di rettificare\smentire quanto avevo scritto), evidentemente erano inezie minime e le virgole stavano bene così dov'erano!

Ora occorre buttare giù qualche mia idea politica visto che sono in quell'elenco.
Casomai dovessero appoggiare il sindaco o qualche amichetto loro, o comunque si dovesse puntare su qualche vecchio volpone, io proverò a farmi una listarella (vedi telaio civico) mia..
Chiamarla magari Giovani Democratici Montaltesi e candidare a sindaco una ragazza bella e capace. Una che già ha esperienze sul territorio e che gestisce un'associazione culturale...
Compilando la lista dei giovani con laureati freschi e meno freschi (mi sono appena autoescluso) che abbiano ottime conoscenze e competenze specifiche nel loro settore e tanta voglia di fare e poco di mangiare e fare soldi a spese statali.E puntando sopratutto sui giovani della zona valliva.
Ma le parole "giovani" e "democratici" sono talmente inflazionate che già gli cambierei il nome alla lista..
Montalto necessita d'esser ridisegnata da capo sotto molti aspetti: viabilità, infrastrutture, eventi culturali. E ci vogliono persone che, pur essendo di colori politici diversi (a livello comunale i colori politici lasciano il tempo che trovano molto spesso), abbiano appunto delle ottime competenze specifiche. E ci vuole ggente gggiovane perchè quella meno giovane in genere (ma anche molti gggioovani!) si muove (in ambito pubblico) per interesse personale e non per servizio. La politica è servizio per i cittadini noi per i propri interessi e le proprie tasche!
I partiti, specie se di matrice sinistroide, sono morti con il millennio passato.In Italia almeno è stato così. Il re del marketing li ha uccisi. Il re delle vendite ha reso la politica uguale al commercio. Chi la spara più grossa ottiene più consenso.Non è più rappresentanza è ricerca del consenso è vendita della propria immagine la politica..E chi meglio di lui che venderebbe il mare anche a chi non sa nuotare e detesta l'acqua salata,poteva trasformare  la politica così?
La politica è diventata questo. Non a caso l'unico partito (=nell'accezione novecentesca del termine) è la lega padana! Una lista civica interregionale diventata partito!
Si dice che le ideologie siano morte, dunque anche i partiti lo sono. Se muore il seme (o la radice) muore anche la pianta.Hai voglia a far travasi, poi la morte si comincia a spandere per tutto il terreno!
Impariamo dalla natura a costruire cose serie e durature!