mondovistodaunpuffon | Anche io disobbedisco! | Il Cannocchiale blog Salario garantito e occupazione mai in crescita
.
Annunci online

mondovistodaunpuffon

Salario garantito e occupazione mai in crescita

diario 1/3/2009

Stanotte ho avuto una piccola discussione con il dep. F.Laratta (Pd) sulla proposta del "salario garantito". Che è come una favola, si ipotizza e se ne favella da decenni e non si fa mai.
Leggetevi la discussione (o meglio il mio soliloquio) che ho avuto con lui tramite facebook..

Lorenzo
salve onorevole

Franco

Ciao 

Lorenzo

pare che io voglia fare il criticone
ma per quanto 
siano delle ottime idee
sono troppo alla merce'
di parassiti
basti pensare alle vagonate di soldi arrivate in calabria

Franco
  quelli non mancano mai

Lorenzo
  già
qui da noi
o si campa con uno stipendio fisso
statale
o molto spesso si emigra

Lorenzo 
perchè non si riesce a fare un'impresa in calabria?
perchè le offerte di lavoro  sono quasi sempre
da agenti di commercio  negli ultimi 2-3 anni
o da call centerista molto spesso outbound?

Franco
ce ne sono tante buone, e di qualità

Lorenzo rari nantes in gurgite vasto
per quello che vedo, che mi dicono e che ho vissuto
non è un caso
che la maggiorparte
dei lavoratori al call center
di abramo
siano laureati
e che farsi assumere lì
sia un'aspirazione di molti
perchè una laureata in ingegneria
dovrebbe accontentarsi di rispondere
4/6 ore al telefono
che c'entra con il suo cursus studiorum?
Lorenzo  sono domande retoriche non
son dirette solo a lei
ovviamente
ma più ne sento e più mi vien voglia di andare via
per rifare la calabria
bisognerebbe rifare i calabresi
riuscendo a tagliare il cordone ombelicale
che vuole tutti attaccati ai finanziamenti
regionali,statali ed europei

Franco

si, i calabresi siamo molto strani

Lorenzo

siamo molto pigri
sappiamo fare grandi le città dove emigriamo
ma non sappiamo fare grande la nostra terra 
perchè ce l'abbiamo gratis
e moltissimi non lo apprezzano
anzi preferiscono non farci nulla e sputarci su
per poi dire che non nasce mai niente di buono
se penso alla lucania fuori dalla zona 1 

Franco

è una storia vecchia la nostra, non sempre positiva 1:35amLorenzo con 2 gocce di petrolio
e a noi fanalino d'europa
con le ricchezze che abbiamo  rimango quasi stranito
poi basta farsi un giro
vedere capannoni inutilmente vuoti
palazzi e palazzoni in costruzione già affittati
e la risposta viene da se'
per non parlare dell'ospitalità
15 giorni fa
sono stato ad altamura
ho mangiato in una trattoria
bene e abbondante
e l'oste mi ha fatto pure un piccolo sconto
probabilmente non mi vedrà più
ma c'ha saputo fare
2 giorni dopo
ho dovuto fare 2 fotocopie
all'università
per quanto tecnicamente
si potessero fare in un foglio solo
ne ho dovuto fare x forza due

Franco
anche da noi ci sono cose positive, ma pourtroppo non emergono. ti lascio la buonan notte lorenzo,. Ciao

Lorenzo

buona notte!
e mi scusi se sono troppo
diretto e lororroico!




Non ci credo a queste idee, da precario quasi sempre in nero quale ero e sono.
Con un sussidio alla disoccupazione si invogliano anche i datori di lavoro a non assumere e si favorirebbe il lavoro nero, è facile pensare che molti imprenditori propongano posti di lavoro a pochi € proprio perchè i dipendenti già hanno il sussidio.Ci vuole una politica radicalmente diversa,
ci vogliono ispettori del lavoro a tappeto e regolarizzazione di tutti i dipendenti.
E poi, dove prenderanno i soldi, visto che la disoccupazione ed i precari aumentano in maniera esponenziale?
Dove sono queste grandi aziende in Calabria? Quali sono? La Callipo, Abramo e poi?
Dove sono questi paradisi dove si lavora e si produce tanto senza chiedere nulla allo Stato?
Il buon Laratta ha difeso la sua regione, e ha tentato di toglierle un po' del fango che io le ho buttato addosso nel dialogo, ma lo sa che ci sono call center che pagano poco e male e i cui responsabili intascano gli introiti e vanno via? Lo sa che ci sono tante altre micro realtà che sono peggio? Lo sa che molti padri di famiglia lavorano per mesi senza stipendio?
E' bello fare qualcosa per la propria terra dagli scranni del Parlamento, ma bisognerebbe immergersi nel fango per capire bene cos'è la Calabria e perchè il flusso migratorio di giovani laureati e non non cessa.E quei pochi laureati che resistono sono costretti ad accontentarsi del solito piatto di lenticchie e a fare lavori per i quali non hanno studiato nè si sono qualificati.
E intanto si spendono soldi in spot (ToscaniGattuso ) e si tenta di rilanciare l'immagine d'una regione che non sa rialzarsi. Ricordo che ci furono molte polemiche per lo spot di Oliviero Toscani, ma rivedendolo insieme a quello in cui il testimonial è Gattuso è meglio il suo. Almeno non fa vedere i mari puliti e la valorizzazione per la cultura e la storia come Gattuso.


Clamoroso!!!C'è un Obama anche in Italia!!!

giornalettisticamente 28/1/2009

Ebbene sììììì!!
C'è un omologo di Barak Obama pure da noi, addirittura qui a Cosenza!!
E lavora in un call center per 8 ore al giorno mentre prova di vendere creme di peperoncino e vini di montagna per 200€ al mese netti! E lavora in un call center e da assistenza a maniaci sessuali insonni! Ma c'èèèèèè!! L'ho visto! Non aveva il sorriso smagliante di quello americano, e dopo aver visto la fine indecorosa del Pd provinciale ha rinunciato alla politica attiva! Preferisce farsi sfruttare da precario! Da proletario del 2009! Ha due lauree sudate e tanta gavetta in mille aziende che mai e dico mai l'avrebbero assunto a tempo pieno!
Ma c'èèèè!! Non è emigrato!! C'èèè!! Ama la sua terra!! La terra franata che lo fa sbandare con la sua utlitaria!

V'interessa sapere il nome cari politici?
No, non v'interessa avete già i vostri cognomi da ricordare a memoria, da menzionare per quella carica o quell'elezione e dei nomi dei giovani ve ne lavate le mani!
Ciao Obama cosentino, lavora per non morire e per noi per vedere quanto siamo capaci a sottostare ancora e a non ribellarci!

In silenziosa clandestinità..

personalmente 14/11/2008

Non credevo neanch'io che sarei riuscito a scrivere  due righe su questo blog, non così "presto", eppure eccomi qui a sputare un po' di umore grigio sul web.
Chiedo scusa a tutti i lettori,cioè ri-autori (perchè rileggendo i post diventano autori) se è da alcune settimane che non curo le sezioni "giornalettisticamente" e "politicamente". Sto avendo molto da fare ultimamente ho pochissimo tempo per buttare giù le solite 4 "cazzate".
Vi scrivo da un internet point, da Lambrate dove ho preso una camera d'albergo fino a domani.
Sarei qui per lavorare, credevo di avere una spinta emotiva forte per poter fare 2 mesi in solitudine qui ma la piccola spinta s'è affievolita.. Chiamatemi codardo, vigliacco, sprecone,mammone, bamboccione  ma non sono attualmente convinto che farmi 2 mesi qui mi serva a qualcosa se non a mettere 2 o 300 € da parte. Da giù chiunque si mangerebbe le mani sapendo la retribuzione, magari solo sapendo che c'è questa possibilità.
Ero salito convinto anch'io di questo, ma per una piccola deficenza mia (mai guidato un ciclomotore) l'opportunità di lavoro è mutata.Ora dovrei lavorare in un centro di smistamento, sebbene io sia sempre stato capace di "farmi piacere" ogni tipo di lavoro (l'anno scorso ho impacchettato regali da volontario) per questo serve un qualcosa di più.
Ho invece qualcosa di meno, la depressione (se così si può chiamare) dopo avermi regalato settembre e ottobre pieni di idee e cose da fare è tornata feroce a farsi sentire. E' tornata senza cuore appena mi ha visto solo per giorni a camminare in silenzio sotto la pioggia di Milano.
Tornare giù significherebbe mettere una volta per tutte la testa sui libri e farla finita con la ricerca di "un lavoro", perchè sarebbe stupido rinunciare a questo e poi cercarne altri..
Con questi dubbi vi lascio, sperando che la lettura di questo post non vi annoi più di tanto.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lavoro milano precariato inscurezza depressione

permalink | inviato da Puffon il 14/11/2008 alle 12:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa