Quando uno è bravo... | mondovistodaunpuffon | Anche io disobbedisco! | Il Cannocchiale blog Quando uno è bravo...
.
Annunci online

mondovistodaunpuffon

Quando uno è bravo...

personalmente 26/8/2008

Quando uno è bravo non importa che sia un vicedirettore o l'ultimo dei collaboratori esterni, scrive sempre animato da passione e da spirito di servizio verso i propri lettori.
Quando uno è bravo non gonfia i pezzi per poter vendere qualche copia in più : la verità e la buona fede che i lettori ripongono nel lavoro dei giornalisti non fanno parte del marketing.
Quando uno è bravo rispetta gli addetti stampa, ma si tiene alla larga dal servilismo del loro mestiere.
Quando uno è bravo riesce a scrivere di molti argomenti, documentandosi bene prima di pubblicare l'articolo.
Quando uno è bravo non fa' domande già accordate prima nelle conferenze stampa, magari ne fa qualcuna scomoda.
Quando uno è bravo non importa se ha fatto una scuola di giornalismo, ha imparato il mestiere sul campo e sa come muoversi.
Quando uno è bravo, se proprio deve farsi raccomandare in qualche redazione, ha comunque un c.v. e\o u port folio di tutto rispetto.
Quando uno è bravo non si vende nè si lascia comprare per non pubblicare o per edulcorare i pezzi che scrive: i suoi datori di lavoro sono i lettori e non qualche "amico" potente.
Quando uno è bravo non teme denunce, querele o quant'altro se sa di essere nel giusto.
Quando uno è bravo evita i giudizi assoluti di certi commentatori professionisti.
Quando uno è bravo non ha paura dei nuovi media ma, anzi, tenta di capirli per poterne fare uso : il suo mestiere è comunicare e bisogna tentare di farlo a tutti livelli e con tutti.
Quando uno è bravo non ha la presunzione di essere "il migliore" ma si confronta e scambia pareri con i colleghi di altre testate, di qualsiasi grandezza queste ultime siano.
Quando uno è bravo non va a fare il lustrascarpe di assessori,presidenti e dirigenti per avere le notizie,se le cerca sul campo.
Quando uno è bravo si chiama Montanelli,Biagi,Travaglio,Beha,Gomez,Padellaro,Monteleone, Ruotolo (e tanti altri) : insomma vive già di chiara fama, ha già superato quell'esercito di precari dell'informazione a 400€(vedi post precedente) al mese che sono i redattori di provincia.
Quando uno è bravo non importa se sia già ricco e famoso, il suo referente rimane il lettore più umile.
Io non sono bravo, so a malapena scrivere, ma porto dentro i valori che ho riportato sopra.. Casomai diventassi "bravo" anch'io....



permalink | inviato da Puffon il 26/8/2008 alle 16:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa